Mountain Kingdom

Chiama subito: +39 02 2818111 oppure +41 91 6833131

Come scegliere le racchette da neve



Nei nostri programmi fotografici viene spesso fatto uso, per la progressione in montagna, delle racchette da neve, dette anche ciaspole. Le racchette da neve sono un ottimo strumento considerata l’attività da svolgere (la fotografia) se non siamo buoni sciatori.

In effetti fino ad un po di tempo fa, l’ambiente montano era quasi esclusivo degli sciatori. Le racchette da neve, conosciute con il nome di “ciaspole” come vengono chiamate in Val di Non, hanno dato la possibilità agli escursionisti di accedere con una certa facilità al territorio montano in presenza di neve.

 

Le racchette sono uno degli strumenti più antichi costruiti dall’uomo, un invenzione più recente degli sci, nati in Scandinavia quasi 5 millenni fa. Per secoli la ciaspola è stato un mezzo il cui uso era legato più alla necessità  che al piacere, era utilizzata per procacciare il cibo o anche combattere. Oggi invece le racchette da neve, leggere e colorate, super-tecnologiche e resistenti, sono diventate un divertimento oltre che uno sport accessibile a tutti, sempre facendo molta attenzione ai pericoli tipici dell’ambiente invernale. (vedi: Valanghe come prevenire)

 

272577_web

Ma come avvicinarsi a questo modo di camminare in montagna?

 

Chi si avvicina alle ciaspole per la prima volta rimane disorientato dall’incredibile numero di modelli di racchette disponibili. In questo articolo vedremo di fare un po di chiarezza e darvi qualche consiglio sulla scelta. La prima domanda che il futuro ciaspolatore deve porsi è: “Come e dove utilizzero le racchette da neve, su che nevi?” Questo è un quesito fondamentale che indirizza immediatamente la scelta della forma e del materiale di cui sono fatte le ciaspole oltre l’eventuale presenza o meno di accessori come rampone, alzatacco etc.

 

_DSC9626_ciasp_web

Prima di parlare tecnicamente della ciaspola, occorre parlare dello scarpone più adatto da utilizzare. Per le ciaspole sono indispensabili degli scarponi alti, in grado di proteggere al meglio la caviglia. La fodera deve essere in Goretex™ e/o materiali simili repellenti l’umidità e l’acqua. Inoltre gli scarponi devono possedere un rivestimento interno abbastanza isolante dal freddo, ovviamente quest’ultima richiesta dipende dal proprio grado di resistenza, molto soggettivo.

 

Analizziamo ora i vari tipi di ciaspole e come sceglierle.

 

La forma

 

La forma delle racchette è studiata non per piacere estetico ma nei minimi particolari per migliorare la nostra progressione su neve. La funzione è quella di non farci sprofondare sulla neve fresca, oltre che aderire al meglio a vari tipi di neve senza sforzare eccessivamente le articolazioni della caviglia e delle ginocchia. La forma deve anche massimizzare la portata del peso oltre che la resitenza. Al contrario di quanto ci si potrebbe aspettare, le racchette da neve hanno una forma e una struttura studiata, dietro un oggetto apparentemente così semplice si nascondono infatti delle innovazioni tecnologiche notevoli. tsl-325-escape-easy-kiwiE’ fondamentale, ad esempio, che non ci facciano sprofondare nella neve fresca offrendo allo stesso tempo un buon confort durante la camminata, inoltre devono massimizzare la presa sulla neve dura e mantenere un peso contenuto. Le forme a clessidra si adattano molto bene alle nostre nevi, sono molto leggere (tipicamente in matieriali plastici compositi) offrono un grip eccellente anche se per la forma dei lati non sono adatte su traversi ripidi e non offrono un galleggiamento elevato su nevi fresche rispetto al tipico modello canadese. Ciaspole in alluminio con profili rettangolari offrono un buon galleggiamento per via della dimensione più grande, oltre che un discreto confort nei traversi. Di contro sono leggermente più pesanti e costose dei modelli compositi. Esistono forme intermedie che riescono a offrire buona galleggiabilità, aderenza su qualsiasi pendio e leggerezza, ovviamente più le caratteristiche sono versatili più il costo della ciaspola aumenta. E’ importante specie per le nevi alpine la coda, posta sul fondo permette di passare il primo strato di neve dura e accentuare la presa mantenendoci stabili e non cadere.

 

 

ciaspole2

A sinistra ciaspole adatte a nevi fresche su terreni pianeggianti, a destra ciaspole tecniche in alluminio con rampone laterale e frontale che offrono presa su nevi ripide e di traverso. (Resta il fatto che, qualsiasi tipo di ciaspole, rispetto agli sci, risulta molto meno confortevole nei traversi, inoltre sopra certe pendenze è sempre meglio non avventurarsi con uno strumento del genere che non è adatto a terreni alpinistici).

 

Gli attacchi per lo scarpone

Molti si lamentano per dolori al piede dovuti a frizioni dei lacci della ciaspola o mancanza di tenuta degli stessi con conseguente distacco. Questo è uno degli elementi più importanti, un buon attacco deve avvolgere bene lo scarpone e fissarlo solidamente. L’attacco deve essere regolabile sia con i lacci sia in lunghezza per adattarsi alla perfezione alla forma dello scarpone che non deve mai scappare ne deve essere troppo stretto producendo cosi dolori al piede durante la progressione. I modelli migliori dispongono di un attacco a cremagliera o simile regolabile in qualsiasi posizione. Le migliori ciaspole sono dotate di un laccio imbottito in modo da non premere troppo sullo scarpone.  Anche la parte frontale dell’attacco deve essere regolabile in altezza sulla punta dello scarpone.

 

Ciaspolata_champoluc1

I ramponi

MSR-EVO-Snowshoes-TeethI ramponi nelle ciaspole sono fondamentali per progredire in salita, specie su nevi dure. Nelle ciaspole esistono due tipi di rampone, i migliori modelli presentano punte sulla pianta e un rampone molto pronuciato a due o tre punte posizionato sotto la punta della ciaspola dove lavora la parte anteriore del piede. Consiglio di acquistare ciaspole che possiedono entrambi i ramponi, questo facilita la progressione su nevi dure anche su pendii più ripidi. Racchette in alluminio spesso presentano lame sui lati che migliorano la penetrabilità della ciaspola nei traversi, anche se sottolineo che le racchette da neve non sono nate per effettuare lunghi traversi come con gli sci.

 

Alzatacco

217135_web

 

Come per gli attacchi da sci-alpinismo anche le ciaspole di buona fattura possiedono un alzatacco. Questo accessorio è di grande supporto quando ci troviamo a dover superare pendii ripidi evitando così di non flettere troppo in avanti la caviglia. Un buon alzatacco ha almeno una posizione massima e una intermedia cosi da poterlo regolare in base alla pendenza. Inoltre è importante che il sistema di posizionamento dell’alzatacco sia azionabile tramite bastoncino cosi da evitarci inutili fatiche con movimenti innaturali chinandoci per muoverlo o addirittura togliere la ciaspola.

 

281202_webBastoncini

Un elemento utile, se non fondamentale per la progressione con le racchette da neve è il bastoncino. Consiglio di scegliere bastoncini da sci telescopici, che possono essere adattati in lunghezza al tipo di terreno ed alla propria altezza. Sono utili a migliorare l’equilibrio, e la progressione dell’andatura. Ricordatevi di aquistare modelli con rondella larga in modo da non farli sprofondare nella neve quando vi carichiamo il peso.

 

Il Peso che deve sostenere una ciaspola

Uno dei dettagli a cui non si fa mai caso nel primo acquisto è il peso. Le racchette da neve presentano sempre un’indicazione di peso idoneo per l’utilizzo. Ovvero viene indicato il peso massimo che possono sostenere senza farci sprofondare. Verificate l’indicazione, tenendo conto che quando sarete in montagna oltre al vostro peso c’è anche quello dello zaino e vestiario. Per i fotografi questo fattore diventa ancora più importante tenendo conto che uno zaino fotografico pesa almeno il doppio di uno escursionistico, specie se si ha con se un treppiede.

 

 

Alcuni consigli prima dell’acquisto

Attenzione alle offerte, spesso e volentieri troverete in promozione ciaspole di materiali di qualità piuttosto bassa. Normalmente una ciaspola di qualità parte da 100 euro circa. Ricordate di valutare bene gli accessori quali ramponi e alzatacco, inoltre se possibile cercate di provarle “a secco” con il vostro scarpone per verificare i lacci. Una racchetta da neve di qualità elevata “tecnica” può arrivare a costare anche 150/200 euro e vi permette escursioni su terreni più impegnativi.

 

Ciaspolata_champoluc6_web

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

[insert_php]

include ‘/home/mount865/public_html/site/wp-content/themes/wp_space95-v1.4/form-prenotazione_NL_sidebar.php’;

[/insert_php]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

logo Mountain Kingdom logo UIAGM logo AGAI

Vita e avventure su sentieri, roccia, ghiaccio e neve, con sci e pelli di foca, piccozza e ramponi, scarpette d'arrampicata, pedule o ciaspole. Sulle montagne del mondo, fra le varie culture e in mezzo alla gente, in punta di piedi, senza disturbare, in equilibrio con la natura, con tanta curiosità, voglia di scoprire nuove vie, passione, sicurezza e professionalità. Questo è il nostro modo di essere guide alpine.